1. I Quattro Pilastri

 

 

 

Uno dei miei maestri mi disse un giorno che per star bene occorre curare 3 cose nella vita.

In realtà, per me -nella mia pratica quotidiana- sono poi diventate 4 e si sono trasformate in una vera e propria legge, principio o regola che sia, che riguarda i Quattro Pilastri del Benessere che occorre curare / mettere a posto / risolvere.

 

Mi è stato molto utile questo schema quindi ve lo ripropongo.

Non c’è una gerarchia o un ordine d’importanza da rispettare. E’ come un mosaico, dove le 4 tessere si adattano a seconda di come modelliamo ciascuna di esse

Perché pilastri?

Perché se in ciascuno di questi ambiti fossimo sostenuti dalle scelte fatte, la nostra vita potrebbe essere:

  • fluida e profonda
  • leggera e abbondante
  • basata su solide fondamenta.

Viceversa, se non siamo allineati in uno di essi, ad esempio il lavoro, sono proprio gli altri pilastri che possono supportarci.

Per questo sono preziosi: noi usiamo “parti” della nostra vita per consolarci, compensare le insoddisfazioni e arrivare a sufficienza.

Mentre la loro conoscenza ci permette una reale sinergia per il benessere “al di sopra dell’accontentarsi”.

 

1. Per star bene occorre curare / mettere a posto / risolvere: 

  1. I Blocchi Emotivi eventuali (i limiti eccessivi / disfunzioni / impossibilità) derivanti dalla famiglia d’origine che ancora agiscono dentro di noi
  2. Gli Affetti di oggi che più realizzino il nostro essere adulti
  3. Il Lavoro che più ci permetta di vivere appieno il potenziale e affermi il nostro scopo primario nella vita
  4. Il Luogo/Casa/Città dove scegliamo di vivere che ci soddisfi profondamente.

 

Il mio maestro non citava il 1° punto, legato alle influenze, blocchi e permessi della nostra famiglia d’origine. Lo inseriva nel secondo, negli affetti, in modo più generale.

A mio avviso è invece opportuno metterlo in buon’evidenza, perché ogni crescita, non solo l’analisi, parte da lì e ci riporta lì.
E non serve far confluire tutto negli affetti perché vivere le relazioni in modo maturo vuol dire aver risolto gli influssi della famiglia che ci ha cresciuti.

Anzi, una delle radici più importanti del nostro benessere risiede proprio nel non far confusione tra:

  • ciò che è proprio del mio rapporto affettivo di oggi
  • e ciò che invece non so gestire delle discussioni con mia moglie perché non lo so fare da sempre.

 

Per questo è molto interessante scoprire che c’è una relazione profonda, paradossale, tra il raggiungimento del benessere in ciascun pilastro, e quello corrispondente negli altri. Infatti:

  1. non è possibile raggiungere alcun risultato “alto” in uno di essi, se gli altri 3 non ce lo permettono

 

Vai a: I Quattro Pilastri: Riepilogo

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.