Accettazione Incondizionata: 17. Viola, la Violenza

“Non puoi scrivere una storia ambientata a Los Angeles
che arrivata a metà non faccia inversione e non si perda”.

Eve Babitz.

 

Viola sente la violenza nella sua vita, il tradimento da parte di qualcuno e della vita in generale, “quando meno te lo aspetti”, che si sostanzia in una voce che gli dice che lei non ha speranza, non ha speranza, non ha speranza.

Non riesce a trovare nulla più della precarietà.

E allora, ogni volta… ogni volta che sta troppo bene, si afferma sul lavoro, oppure è corteggiata da un uomo…

…si massacra di sostanze e di alcol, in una spirale sempre più violenta, senza tregua.

 

Da bambina, Viola era figlia di un uomo violento e alcolizzato. Ha subito tentativi di stupro, non ricorda bene se dal padre, ma crescendo anche da altri, di cui invece ricorda molto bene.

Tutta la famiglia, la madre, il fratello più piccolo, il padre stesso, si basavano e si basano ancora, a tutt’oggi, su di lei. Sulla sua capacità di provvedere economicamente a loro, ad accudire, lenire, preoccuparsi.

Viola c’è sempre, per tutti.

Solo per se stessa non può esserci. Quindi allo stesso modo di tanti anni fa, sente una spirale di violenza salire dentro di sé e rovinarle la vita, in ogni santa occasione in cui si sente serena.

L’accettazione da compiere per lei è:

“io sentirò sempre -anche se non sarà mai vero- che non posso mai, proprio mai,
vivere serenamente, nella gioia, e nella pace.
Perché altrimenti una parte violenta re-agisce contro di me,
direttamente.
E posso benissimo chiamarla col suo nome: papà”.

 

Grazie a questa verità, Viola sta tirando fuori tutte le risorse e rappacificandosi con la violenza che le sale dentro: la sente arrivare, la ascolta. E finalmente non l’agisce più.

Perché oggi può finalmente scegliere di farsi o non farsi del male.

Scegliere di star bene.

Vai al punto successivo:

Scopri di più sull’Accettazione e sulla Partecipazione a 4 Serate per una Piccola Felicità

 

Riepilogo:

 

 

Approfondimenti:

Conferenza Gratuita 1 Dicembre 2016, 20,30

5 Ricette per una Piccola Felicità

Approfondimenti:

Torna a: 5 Ricette per una Piccola Felicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*