Leggerezza Profonda: 10. Adalgisa e il Dramma

Adalgisa la chiamo così perché ricorda tanto un’impettita signora degli anni ’50. Ma non fidatevi delle mie descrizioni. Potrebbe essere un uomo. Ce ne sono moltitudini a comportarsi così, di tutti e tre o quattro i sessi.

Per la Signora Adalgisa, alle soglie dei quarant’anni, ogni evento era un Dramma. Ogni messaggio, ogni cena, hobby, uscita, situazione di lavoro, ogni giornata, all’inizio dei nostri incontri mi veniva raccontata con dettagli ed enfasi propri di un giallo. Non parlava mai di sé e di come si sentiva ma di come diavolo stessero messi male gli altri. E giù esempi su esempi di esempi che costituivano la telenovela avvincente (per modo di dire) della sua settimana sofferta e senza alcun riposo. Né notturno né diurno.

 

Dopo appena sei mesi di terapia, comprensione, ascolto, rispecchiamento, risonanza, pazienza e affetto, tutto questo dramma è infinitamente diminuito e la prospettiva diametralmente mutata. Ora è nel cammino. Consapevole che anche per lei –come per ogni altro essere umano- è tutto nella sua testa e che tutto è originato da:

  • ciò che è abituata da decenni a pensare, vedere e sentire dentro di sé
  • e quindi da ciò che si aspetta che accada.

Perdeva così -e adesso lo vede e lo sente- ogni sorta di benessere, relax, cura di sé, evasione, divertimento autentico e leggero e non così sempre controllato.

Alcune cose che oggi Adalgisa non fa più -e alla fine dell’elenco chiedetevi: vi sembra poco?-:

Non passa più:

  • le vacanze chiuse in casa al buio
  • la notte a rimuginare
  • le serate a sognare paradisi e amori che sentiva come compensazione parecchio idealista e molto poco realista
  • le ore a elaborare strategie per rispondere, difendersi, contrattaccare.

Qualche settimana fa, ha avuto finalmente un’illuminazione e uno sfogo nel pianto di ore, realizzando che quello è il mondo che conosce fin da bambina, di attacchi e attacchi continui dai quali difendersi e non poter stare mai tranquilla.

La constatazione è la solita che conosciamo ma che stupisce ogni volta: noi continuiamo a farci da soli e imperterriti ciò che abbiamo subito da bambini.

Questa verità si abbatte all’improvviso su di noi e di solito prima ci tramortisce -in senso buono- e poi ci rigenera e ci fa affrontare finalmente l’esistenza 2.0 che desideriamo fortemente.

Tra l’altro noi eravamo convinti, Adalgisa era convinta, di fare il contrario: difendersi con fierezza da chi attenta al proprio umore.

Fino a scoprire che siamo noi i pirla, i colpevoli, i primi attentatori alla nostra serenità quotidiana.

E c’è sensazione più necessaria e sufficiente di questa?

Non c’è più davvero nessuno oggi che attenti al nostro umore se non noi che ci andiamo a ficcare in drammi artificiosi e tirati su dal nulla per poi difenderci costantemente.

Con buona pace dei nostri respiri e dei sereni riposi.

Vai a:

 

Riepilogo:

 

Conferenza Gratuita 1 Dicembre 2016, 20,30
5 Ricette per una Piccola Felicità

Scopri di più sull’Accettazione e sulla Partecipazione a 4 Serate per una Piccola Felicità

Altri approfondimenti:

Torna a: Quando Mi Sveglio di Notte – 5 Ricette per una Piccola Felicità

Se ti piacciono queste note:

visita la pagina Facebook                   visita www.bioenergetica.com

Iscriviti alla mailing list per essere avvisato ad ogni nuovo articolo o iniziativa: info@analisibioenergetica.com

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.