Evoluzione Sostenibile: 15. Piacere Trasversale e Piacere Dedicato

Coloro che conosciamo che vivono più di noi attraverso piacere e soddisfazione -e ci piacciono per questo- se lo sono autorizzati e andati a prendere, il piacere. Il più possibile.

Sapendo che non era facile. E si sono allenati. Lo hanno coltivato all’inizio con fatica. Poi sempre di più. O sono stati più preparati da bambini di ciò che si è fatto nella nostra famiglia.

E si sono sentiti sempre meglio individuando due piaceri: Trasversale e Dedicato.

Il Piacere Trasversale è fare qualsiasi cosa fatta fino a ieri ma da oggi con molta più espansione, coinvolgimento, accettazione, leggerezza. Togliendo la tensione dei conflitti per sempre. E per farlo, appunto, occorre cambiare molto le abitudini, giorno dopo giorno.

Il Piacere Dedicato vuol dire invece difendere i propri spazi di piacere consacrati a se stessi e molto sacrificati in passato.

E intorno a questi due cardini viene costruita tutta la nuova Evoluzione Sostenibile, nel senso di STRUTTURA BASATA non più sul controllo bensì sull’AGIO, LA SERENITA’ E IL RESPIRO AMPIO, sulla partecipazione, e non più sul ritiro, la tensione e il conflitto.

Mi posso dare struttura soltanto in due modi:

a) controllando con la testa, l’Ego, la volontà

b) oppure facendomi sostenere da una rete di emozioni piacevoli che nutrano il mio sé reale, spontaneo, vero, espressivo.

L’esempio cardine è generare, dedicarsi e allevare un bambino o coltivare una passione che trascenda le giornate.

Ma occorre ispirarsi a tali condizioni e iniettarle in ogni alba della nostra vita, poiché il principio è sempre quello (!).

Perdonatemi, ma mia nonna, come le vostre nonne, aveva 9 figli, e non è successo millenni fa. Oggi non è più pensabile fare 9 figli e comunque non si fanno più. E per questo cosa possiamo fare?

  • condannarci alla pena?
  • Oppure sfruttare i meccanismi naturali di piacere e iniettarli nelle nostre giornate in maniera potente e alternativa, vera, illuminate?

Questa struttura, sistema, mappa, ci rigenera e ci sostiene ogni volta,
con una grande caratteristica prima inesistente:

la sensazione di espandersi, attraverso la verità e quindi la progressione reale, basata sull’accettazione totale di questa vita e di questa nostra collocazione in essa.

 

Per cui prendo carta e penna o cellulare e scrivo a cosa posso dedicarmi di più ogni giorno e ci provo davvero, passo dopo passo, punto dopo punto, difetto ed errore.

Vediamo come fare, qui di seguito? In ogni punto trattato in queste note ci sono spunti, e idee, per azioni e abitudini concrete che ci ridonino il sorriso.

Leggi il precedente articolo, correlato:

 

 

Vai al prossimo articolo:

 

Riepilogo:

Serie di articoli Correlati: Qualcosa di Significativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.