Gli Assunti di Base dell’Accettazione

Un’altra area di accettazione riguarda gli assunti di base.

Mara -ad esempio- non accettava che la vita le avesse riservato così tante disgrazie. E queste continuavano allora a riprodursi.

Ecco cosa si scopre:

ciò che ci viene riproposto reca un messaggio
 che non vogliamo accettare.
Per questo si ripropone.

Come il peperone.
 O altri cibi indigesti.

Ma dai: ci stai proponendo l’accettazione del peperone che così non si ripropone?

Ma no, sto solo scherzando.
Perché sapete benissimo a che cosa mi riferisco.

Mara è bellissima. Dentro e fuori. Se l’è cavata in una marea di situazioni in cui tre quarti di noi sarebbe finita in manicomio. (Seriamente).

Dimostra almeno 15 anni di meno.
Eppure continua a mettere avanti la propria storia, quando incontra chiunque. E la racconta e la ri-racconta…

E alla fine di qualsiasi esperienza relazionale, affettiva, amicale e lavorativa, si ritrova sola, solissima, senza uno straccio di qualcuno, perché periodicamente tutti l’abbandonano.

E con la sottile angoscia che tutto questo dipenda da lei, senza riuscire a capire perché.

Ecco un’altra cosa che facciamo tutti: cerchiamo di capire.

Intere crociate a far finta di capire qualcosa in cui siamo immersi fino al collo per poterlo vedere.

Diceva la storiella delle tre morali: ma soprattutto, se sei con la merda fino al collo, che ti fischi?! Statte zitto, no?

Nel senso che l’accettazione è l’unica strada: perché procedurale, fatta in casa, e molto intrigante, se presa in un certo modo, perché più vera, verissima, e in grado di farci crescere.

Si pratica da una bella mattina e per sempre. Punto.

Si telefona che oggi non si va al lavoro (solo oggi, non esageriamo).
E poi si mettono tutte le carte in tavola che abbiamo, e si inizia a scrivere.

* Questi sono i miei obiettivi?
* Sono tutti?
* Sia quelli di questo periodo che quelli di una vita?
* Ecco: ad uno ad uno, passo settimane ad assumere che non li raggiungerò mai:
* “Non raggiungerò mai… (elenco)”.

Esempi:

– Mi devo laureare assolutamente? Non riuscirò mai a laurearmi perché so benissimo che nasconde la mia sensazione di non sentirmi mai abbastanza importante.

– Devo guadagnare di più, da sempre? Il mio rapporto col denaro sarà sempre quello che ho da una vita, che ho appreso in famiglia e che esprime i miei problemi profondi nel meritarmi qualcosa, nel mantenere le mie energie e così via.

– Voglio uscire a tutti i costi da questa gabbia impossibile di lavoro? Lavorerò sempre in questa azienda e atmosfera, perché ce le ho “dentro”, la gabbia e le impossibilità, da sempre e per sempre.
 
Ecco, su tutto questo da oggi mi dico:

  • come sto se affronto la verità?
  • Se accetto che non lo raggiungerò mai?
  • Se VEDO il reale problema che c’è sotto che m’impedisce di vivere tranquillo?

E poi sto lì a verificare:

  • come mi sento?
  • Quali altre prospettive si aprono?
  • Sono tutte negative?

E ci sto tutti i mesi necessari.

  • Scopro cosa c’è sotto davvero?
  • Qual è l’inganno che non mi permette da sempre di sentirmi ok?
 E che mi illude che “un giorno… raggiunto X… potrò finalmente fare o essere…?
  • Che cosa?… Quale illusione caratteriale c’è sotto? ”.

E alla fine, si manifesterà, magicamente, un aspetto decisivo che vi farà laureare, avere più soldi, e cambiare lavoro.

Perché era il modo che non funzionava PRIMA, di VOLERE tutto ciò.
Era mentale, ripetitivo, rigido e ossessionante e sempre uguale.

 

Mentre ora Accetta l’Essenza della Vita.
Desidera ciò che è importante ed emotivo.
E lo lascia lì, a sentire che…

“se anche non lo raggiungo, come sento da sempre, va bene lo stesso,
è SOLO UN RICORDO, UNA SUGGESTIONE, UN’ARMATURA CARATTERIALE.

L’importante è che io mi goda di più la strada,
non mi angosci con IL NON POTERNE PIU’ di questa vita”.


E ora funziona.
E di colpo mi metto nelle condizioni di laurearmi, perché non è più carico di aspettative impossibili.

Poiché, se “mi devo laureare solo per sentirmi finalmente importante”, non lo potrò raggiungere, anche a costo di sacrifici invalidanti.

Perché non mi sentivo importante a casa mia con le mie figure di riferimento. E NESSUNA laurea al mondo mi potrà far cambiare questa esperienza.
Solo l’Accettazione che ciò è avvenut:

  • -non è vero che mi ha fatto SOLO molto male-
  • la verità è che non mi ha ammazzato
  • mi ha dato dei punti di riferimento preziosi
  • e ora non posso farci niente. Punto.
  • QUINDI E’ UN DONO!

E se “devo guadagnare di più per dimostrare a me stesso che ce la posso fare”
…quando da sempre sento che non arriverò a compiere qualsiasi impresa…
…non ce la farò, semplicemente.

E se “solo un amore darà senso alla mia vita”, questa vita sarà sempre senza amore e senza senso.

Sposto alllora il focus, accetto tutta la verità. E tutto arriva.
Punto.

Poiché Laurearsi è semplice. Guadagnare è facile. Amare è possibile.

Se NON sono resi irragiungibili dentro di noi fin dall’inizio.

Per esempio, in un caso è emerso chiaramente quel che era evidente a tutti tranne che alla persona in questione:
lo sforzo provocato dall’orgoglio di doverci riuscire sempre a far tutto era insostenibile. Semplicemente.

Quindi la sua lunga convalescenza era la verità.

La consalescenza è sempre la verità.

Mai una sospensione, come sembra.

 

Poi, il processo di Accettazione continua:

  • questo è ciò in cui credo?
  • Articolato in questi valori?
  • Quel che mi è successo nella vita a mio avviso è questo?
  • Per questi motivi?

Ecco, anche qui: ri-parto dal presupposto contrario:

  • e non fosse vero per niente?
  • Se non sarà mai come io lo vedo?
  • E punto per punto, riparto da tutta un’altra serie di presupposti?

Mara ad esempio amava l’architettura, ma la sua casa interiore aveva bisogno di aria e leggerezza come la Bocconi del Guggheneim di Frank O. Ghery.

Era convinta, nell’ordine, che:

– l’amore per gli animali dovesse essere una priorità per tutti

– Gli amici veri sono tutti chiamati ad una militanza fatta di senso del dovere: se sei mio amico allora devi per forza…

– Il piacere non è di questo mondo

– La vita prima o poi deve risarcirmi

– Mio padre e tutti coloro che fanno del male prima o poi la pagheranno

– E altre credenze-proiezioni-illusioni senza alcun fondamento.

Quindi l’accettazione è una pratica.
Proprio per questo: perché non sapremo mai dov’è il baco, il fallo, l’anello debole di tutta la catena.
Allora:
e se fosse che questa vita sarà sempre così?
E se io fossi bellissima e preziosa e ricca e abbondante proprio per quel che mi è successo?

Potete immaginare gli improperi e le proteste di Mara, la prima volta che ha provato ad assumere l’atteggiamento di accettazione? 
Però lo ha fatto e lo sta facendo.
Perché la verità è che da Mara gli amici scappano proprio per le sue pretese assurde.

Non si sente nell’aria che noi prendiamo delle presunte verità e ce le aggiustiamo secondo nevrosi?

Benvenuti nella Vita Nuova, amici miei.
Piena di sogni già realizzati, e non lo sapevamo.
Leggi l’articolo correlato: Accettare l’Essenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*