Ventalogo dello Scopo Primario

 

1. Esiste una Legge dello Scopo Primario: in ogni momento della nostra vita, abbiamo sempre un obiettivo/scopo/fine primario più importante di ogni altro, che guida in profondità le nostre azioni

2. Più lo conosciamo e più sperimentiamo pienezza, soddisfazione, motivazione

3. Lo Scopo Primario può sempre cambiare, ma più è coinvolgente, più è stabile

4. Quando cambiamo profondamente è perché cambia lo Scopo Primario

5. Viceversa: se lo Scopo Primario si evolve, tutta la nostra vita cambia di priorità e di significato

6. La verità è che in ogni momento siamo sempre in armonia -in misura di 1 a 1- con il nostro Scopo Primario

7. E il livello di realizzazione personale può svilupparsi solo in accordo con il  nostro scopo primario e come sua conseguenza

8. L’allineamento tra Obiettivo Primario e Priorità / Energie / Investimento allora determina la differenza tra Successo e Fallimento

9. Quando sentiamo di “perderci”, di non essere efficaci, di non percepire “il fiume” della nostra energia, è perché non c’è questo allineamento tra Obiettivo Primario e Priorità / Energie / Investimento

10. Lo Scopo Primario è sempre realizzato per definizione e coincide con il “Livello” che sentiamo lecito per noi, e non con ciò che vogliamo realizzare. Per cui se non stiamo realizzando quel che crediamo il nostro Scopo Primario, in realtà ne stiamo sempre realizzando un altro, più vero in questo momento

11. Lo Scopo Primario ha che fare con il vero sé, insieme di corpo, emozioni, desideri, bisogni, quindi con tutto se stessi, mai solo con la parte di volontà, orgoglio, obiettivi, ego e pensieri

12. Lo Scopo Primario è un’Emozione profonda, non un obiettivo

13. Per realizzare il proprio scopo primario: mai più grandi obiettivi, sempre di più piccole abitudini legate al piacere emotivo e corporeo

14. Lo Scopo Primario non è il nostro lavoro, è l’ispirazione di un modo di vivere

15. Lo Scopo primario ci connette al senso superiore che esalta la nostra esperienza e individuarlo pulisce le energie e mette ogni cosa al proprio posto

16. Lo scopo primario ci induce a spenderci naturalmente per ogni piccolo passo, connettendoci alla fonte, e ci dona un’energia incredibile

17. Concentrarci sullo scopo primario è la miglior risorsa che abbiamo per uscire dai problemi ricorrenti

18. Lo Scopo Primario è sempre verso una priorità esistenziale e mai verso una persona. Quando è diretto ad un altro essere umano, quando ci innamoriamo, è perché si condivide una scelta di visione dell’esistenza da sposare insieme

19. Quando invece lo scopo, l’esistenza, è tutta nell’altra persona, che sia un partner o un figlio, prima o poi occorre svegliarsi, riprendersi i propri spazi e ritrovare i giusti equilibri nella coppia, esattamente come se rinascesse un rapporto nuovo

20. Lo scopo primario consapevole e realizzato si riconosce dall’evidente disinteresse personale, in uno slancio continuo di generosità, abbondanza e prosperità che deriva dal dedicarsi a qualcosa che trascende e apre totalmente alla vita e agli altri

 

 

Torna a Scopo Primario: Riepilogo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.