6. Le Sostanze Dopanti della Gioia

Nella ricerca di livelli sempre più efficaci per catapultarsi nel benessere, come abbiamo scritto ne Gli Unici 5 Segreti realmente Decisivi per il Benessere, avere in serbo una sequenza quotidiana per attivarsi e darsi una “botta” di sensazioni intense di soddisfazione, è prezioso, senza se e senza ma.

Tanto più che sono le stesse azioni organizzate sia per entrare nel sonno che per iniziare la giornata. Anzi, possono essere ripetute in ogni situazione e momento desideriamo.

 

E non richiedono che pochi minuti, con la pratica anche pochi secondi.

Ricapitoliamo allora questa specie di organizzazione della felicità:

1. Il primo punto è:

“se io ho in sequenza chiaramente indirizzata in senso benefico, è molto più difficile che mi lasci scivolare nel disagio, qualsiasi esso sia”.

E se ciò accade regolarmente, lo sentiamo concreto ogni giorno. E vi garantisco che è una sensazione molto confortante.

E’ come aver preso la decisione di essere sempre su un piano inclinato verso il benessere. Prendersi questa  responsabilità fa letteralmente la differenza.

 

2. Il secondo aspetto, dirompente, è:

“io, proprio io, chiunque io sia e a prescindere da quanto mi senta ok oppure una schifezza fotonica, posso diventare un esperto nell’arte del rilassarmi in modo esponenziale, da non crederci all’inizio, e di entrare in uno stato di concentrazione e funzionamento tali da indirizzare il mio sistema verso ciò che più desidero, che sia l’energia o la salute o la prosperità”.

 

E anche qui: la bomba alla sensazione di mancanza di autostima è così forte che ci fa traballare, finalmente per una sbornia di bene e non di male.

Ubriacarsi di fiducia -diceva una canzone di Battisti- per uscirne finalmente fuori…

Stiamo parlando proprio di questo, di diventare così semplici, dettagliati e applicati, da ottenere una incisività che abbiamo sempre ritenuto leggenda. E non ci sembra vero.

Vediamo allora nello specifico come si fa.

Sequenza dell’Intensità

3. Io inizio la Sequenza dell’Intensità con l’induzione corporea, via via sempre più consolidata.

Ci sono molteplici forme di induzione. Quella qui descritta -che io uso in questo periodo ogni giorno- è un’elaborazione mista di 3 tecniche di provenienza diverse, l’Autoipnosi, la Meditazione della Fisica Quantistica e Neuroscienze, e il Tetha Healing.

Immagina il tuo corpo totalmente rilassato con la schiena a contatto con il materassino. Poi ripassa per sequenze muscolari collegate, tutti i distretti corporei e le singole catene muscolari. Accenna dei piccoli movimenti e immagina che ogni volta che poi lasci andare ciascuna parte, i piedi, poi le gambe, il bacino ecc., ognuna sia più rilassata, come più pesante perché colma di benessere e di pace, quindi finalmente abbandonata a terra.

Poi, sempre vedendo la scena in prima persona, non dall’esterno, ma mentre sei nel tuo corpo, attraverso il tatto e l’ascolto dei piccoli movimenti, senti che il tuo involucro si abbandona alla pienezza e quindi al relax totale, infinito.
Immagina così che il materassino sprofondi delicatamente sotto il tuo peso di 10 -poi di 15- poi di 20 cm, in sequenza.

Fino a che immagini il tuo corpo abbandonarsi talmente tanto e con fiducia, che si crea un buco nella superficie dove poggi. Ed è come se passassi ad un secondo livello, diverso, più nucleare, fino a poggiare su un altro materassino, ad un piano più in basso, di quiete e pace più ampia.

Ripeti questo stesso passaggio, in cui il materassino si apre e tu sprofondi su un altro materassino più in profondità, un’altra volta, ad un terzo livello, sempre più rigenerato, solido, saldo e sicuro di te.

lo ripeti ancora.

E ancora, fino a coprire 6 livelli con la stessa sequenza, con il corpo ogni volta più consistente e privo di tensioni, e con sempre più rigenerazione, riposo, salute, entusiasmo, energia, amore.

Infine, a questo sesto livello immagina di premere un tasto che faccia aprire il passaggio segreto per il Settimo Livello, il più profondo, dove tutto è energia. Entri allora in questa definitiva connessione con tutte le cose, in uno stato mai provato prima di intensità.

In questo stato, non c’è più distinzione tra energia e salute, tra entusiasmo e riposo, tra apertura e amore.

 

Io chiamo questi passaggi i 7 Livelli della Rigenerazione.

Ora che sono al 7° Livello, posso vedere i miei propositi diventare realtà:

Riposo
Salute
Entusiasmo
Energia
Amore
Prosperità
Gioia
Gratitudine

Per ciascuno di tali stati d’animo, mi concentro su l’ultima volta in cui mi sono sentito come desidero e amplifico questa sensazione, fino a farla diventare intensissima e infinita. Ad esempio non una semplice gioia, ma gioia infinita, e gratitudine profonda, intensissima.

Altri esempi: sono davvero riposato come mai prima, o forse come tanti anni fa, e ci ritorno al presente e al futuro, mentre mi muovo nella scena totalmente rigenerato, in connessione con il mio Sè profondo, gli altri, l’universo.

Lo stesso effettuo per la Salute totale, vibrante, che tutto guarisce, con una luce possente che rigenera il mio corpo.

E per l’Entusiasmo per come l’ho provato quand’ero innamorato di una persona, o di una passione, un’attività, un viaggio, un’avventura, non ha importanza: conta solo lo stato d’animo appassionato, coinvolto, innamorato.

E così risento nelle vene l’Energia migliore che io abbia mai avuto. Ripercorro quelle sensazione per come mi muovo al presente, mentre vivo qui ed ora questo tipo di energia. Se l’ho provata, anche solo una volta, posso sempre riviverla. Questo è il segreto.

l’Amore incondizionato per un figlio, un famigliare o per un amore puro, anche se passato o risalente a tanti anni fa. Come mi sento se mi autorizzo a viverlo oggi (staccato da quella persona o situazione) e lo immagino mentre mi muovo nello spazio abbracciando qualsiasi altra persona, nel mio prossimo futuro?

E’ essenziale collegarsi a belle emozioni, pure e intense e trasformative di stato e poi trasportarle con l’immaginazione nel futuro. Solo quando ci sono emozioni così coinvolgenti, accade qualcosa in campi di energia ulteriori, la quale che fa si che si muova davvero un fenomeno diverso nella nostra realtà.

 

Tutta la sequenza dura solo pochi minuti, poi, dopo solo 1-2 settimane, si riduce sempre più, arrivando ad una sintesi immediata. Ci collegheremo così, ogni giorno, immediatamente a quegli stati d’animo, così importanti per noi.

 

4. L’induzione corporea non può essere disgiunta dalle immagini interne. La vita, impariamo piano piano, non può esistere senza le immagini interne che ci sono sempre, o positive o negative.
Chi usa le visioni, vive. Chi indirizza le immagini, vince.
E sceglie coscientemente che giornata vuole passare.

E non è questa la felicità?

 

Quindi a questo punto rivolgo lo sguardo, ad occhi chiusi, prima al centro della fronte, vista ovviamente dall’interno, alla congiunzione delle sopracciglia, alla radice del naso, e poi, direttamente al centro della sommità della testa, sempre vista dall’interno, corrispondent al 7° chakra. All’inizio può non essere agevole, ma giorno dopo giorno, diventa abituale.

Ci troveremo così con gli occhi come rivoltati. E’ importante girare gli occhi verso l’alto, poiché se riesco, il mio sguardo si deve rilassare per forza. Tolgo così le intenzioni di soluzione perenne allo stress. E mi predispongo al funzionamento del cervello non più alle onde Beta, bensì alle onde Alfa, Tetha e così via.

E mi immagino, mentre ho lo sguardo alla sommità del capo, con il mio corpo 7 livelli più in profondità e la mia essenza in grado di essere come al di sopra, “altro” rispetto al corpo, che comunque posso sentire, come in un’ubiquità, profondamente rigenerato e in quiete.

Sono sia nel corpo, sia elevato rispetto ad esso.

la sensazione che ci accompagna può essere davvero particolare: torpore profondo nel corpo, e vividezza nella mente.

E mi dico:

  • Riposo (e mi vedo e mi sento riposato come sopra descritto un attimo fa)
  • Salute (idem, e così via)
  • Energia, Entusiasmo, Amore…
  • sono tutti talmente essenziali per me, che li difenderò sempre, in ogni istante della mia vita, come l’amore che ho per mia figlia (o per qualsiasi altro familiare, o attività o trasporto abbiamo). Questo sillogismo ha da essere emotivo e ispirato.

(Posso ovviamente scegliere anche solo uno di questi stati desiderati oppure altri, a mio piacimento). 

Rivolgere lo sguardo alla sommità del capo, da dentro, come dicevamo, fa rivoltare gli occhi, e induce la possibilità di rallentare le onde cerebrali dallo stato di veglia, Beta, a quelli del sonno, Alfa e Tetha, e nella migliore delle ipotesi, Delta o Gamma.

 

5. Poi passo alla visione emotiva e coinvolta di me che sono calato totalmente nelle 5 cose che più mi piace fare, portandomi dietro, ovviamente, lo stato di profonda concentrazione raggiunto (si veda il punto relativo, indispensabile per una vita nuova). Si può scegliere una delle 5 o tutt’e cinque in sequenza.

Alla fine la scoperta che lascia a bocca aperta è:

“Tanto non c’è nient’altro al mondo in cui desidero stare
di più delle 5 cose che mi accendono la vita.
Allora qual è il problema?”.

“Vedi che semplicemente non sei soltanto abituato a stare nel benessere puro, spontaneo, quotidiano?”.

 

Di solito, impariamo presto a far seguire alla sequenza, il sonno. E possiamo dirci fermamente: quando mi sveglierò, ogni giorno di più, mi sentirò rigenerato come quel giorno preciso che vorrò sempre rivivere nel futuro… (oppure energico o entusiasta a seconda di ciò che più ci sta a cuore).

 

Di mattina, invece, o di giorno pieno, resteremo molto più facilmente nel funzionamento del sonno ma rimanendo incredibilmente vigili e creativi. 

Tra tutte, occorre curare di più le fasi di induzione e di funzionamento non-beta delle onde cerebrali. Per queste ultime, segnaliamo molta letteratura: auto ipnosi, tetha healing, meditazioni attraverso la fisica quantistica e meditazioni della tradizione orientale, di cui abbiamo parlato nei punti precedenti.


Sequenza del Desiderio al Presente

Alla fase precedente -dopo che si ha pratica abituale e se ne percepiscono i benefici- si può aggiungere, ogni volta che vogliamo, quando lo sentiamo necessario, la sequenza successiva, in cui individuiamo qualcosa di specifico da cambiare all’interno di una lista di:…

 

Continua la lettura: Desiderio Presente

 

Torna a La Chimica da Paura – Riepilogo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.