Leggerezza Profonda: 6. Né Spazio Né Tempo

 

Una mattina mi resi conto, come in un’illluminazione, che era bastato un nuovo impulso, che da quella mattina ho sentito essere la Leggerezza Profonda, a guidarmi nell’aprire uno studio di psicoterapia fuori dall’orario di lavoro, dalle 19.15 fino alle 22.15. Se ci penso adesso, non so come ho fatto.

Ed effettivamente, mi sentivo rigenerato ed entusiasta ad uscire dall’azienda e ad andare in studio fino a notte fonda, piuttosto che -stanco e contrariato- tornare a casa alle 7 di sera. Ed è quello che sento ancora oggi.

Atteggiamento deciso una bella mattina, spirito arrivato immediatamente, risultato costruito stagione dopo stagione:

dopo che il mio studio era stato avviato, visto che avevo frequentato 2 specializzazioni quinquennali sempre fuori dall’orario di lavoro, mi resi conto che potevo continuare benissimo così, con mia grande soddisfazione. E piano piano, i miei clienti di psicoterapia iniziarono ad aumentare, fino a che mi permisero, una bella mattina, di realizzare che potevo cambiare lavoro. Anzi: che lo avevo già cambiato “dentro” da tempo, e finalmente anche “fuori” si era manifestato.

Ed io non ci pensavo nemmeno più! Ero disponibile a continuare così. Ero grato già solo di questa possibilità.

Eppure, semplicemente, era piacere, scambio, reciprocità e parità. Avevo deciso che non esistevano più tempo e spazio, e quindi nemmeno stanchezza e orari.

E quando non ti aspetti più niente? Arriva ciò che “reggi” con naturalezza. Né più né meno.

Per questo, solo per questo, successe di più. Le leggi dell’universo tramano in maniera esponenziale a seconda di ciò che noi indirizziamo.

Accadde che l’azienda dove lavoravo fu venduta e io mi sentii libero di andare a fare proprio il lavoro che desideravo.

Accade ciò che è semplice che accada.

Scrive Osho a questo proposito:

Se vivi totalmente, intensamente, sei libero; Hai vissuto il momento e si è concluso.

Non guardi indietro e non guardi davanti a te: resti semplicemente nel quieora.

L’intensità raffigurata dal Cavaliere di Fuoco appartiene al mondo del presente, un segno che che il presente è il solo momento che esiste e questo è il solo spazio.

Quando agisci con l’intensità del Cavaliere di Fuoco crei delle onde sulle acque che ti circondano: qualcuno si sentirà sollevato e rinfrescato dalla tua presenza, altri potrebbero sentirsi infastiditi o minacciati.

Ma le opinioni altrui importano poco, in questo momento nulla ti può trattenere.

Se sei tiepido nella tua ricerca, l’esperienza suprema è molto lontana.

Se nella tua sete sei totale e non trattieni niente, ci sei saltato dentro.

Non hai lasciato indietro nulla, non manca nessuna parte di te; ha spiccato il salto come unità organica, con la tua rabbia, il tuo amore, il tuo odio, la tua ingordigia, la tua avidità, tutto quanto, hai messo in gioco tutto ciò che hai, tutto ciò che la natura ti ha dato ed allora la distanza è praticamente nulla.

Dipende dalla tua intensità: la misura della distanza tra il Divino e il tuo sonno terreno verrà decisa in proporzione alla tua intensità.

(Da: i tarocchi nello spirito dello Zen)

 

Attrazione Bioenergetica: che cosa attiriamo realmente nella nostra vita?

Riepilogo:

 

 

Conferenza Gratuita 1 Dicembre 2016, 20,30
5 Ricette per una Piccola Felicità

Scopri di più sull’Accettazione e sulla Partecipazione
a 4 Serate per una Piccola Felicità

Altri approfondimenti:

Torna a: Quando Mi Sveglio di Notte – 5 Ricette per una Piccola Felicità

Se ti piacciono queste note:

visita la pagina Facebook                   visita www.bioenergetica.com

Iscriviti alla mailing list per essere avvisato ad ogni nuovo articolo o iniziativa: info@analisibioenergetica.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.