L’unica Cosa che Conta è Tracciare il Solco

E’ la legge naturale per eccellenza.
L’unica cosa che conta è tracciare il solco.
Qualsiasi manifestazione ci riporta a questa condizione.
Persino qualsiasi proverbio ci ricorda una verità così palese.
Dove arrivi, metti il segno’, dice un motto delle mie parti. Come a dire: domani continuerai. Di che ti preoccupi?
Dai valore alla vita solo se ti concentri sul punto dove sei arrivato. E domani riprenderai da qui. E solo questo conta.

Eppure.
In terapia questa legge universale va riscoperta come qualcosa di prezioso.

La constatazione è che anche l’incertezza che abbiamo così tanto conosciuto, ha scavato ormai un solco nella nostra vita, il solco dell’incertezza.
E occorre seguire un altro fiume, da subito e per tanto tempo.
Già solo questa assunzione ci lascia con uno sguardo illuminato.

Purtroppo, ma tanto tanto purtroppo, ci imbattiamo in questi cammini di nuova vitalità quando ci ammaliamo o subiamo un trauma e siamo costretti a guardarci dentro.

Perciò quel che ci accade è un dono.
Perché tutto ciò che ci travolge, avviene perché stavamo vivendo male. In qualche modo, l’inconscio prezioso allora ci avverte, così, con i suoi modi. Punto.

Perciò non fatelo. Non indugiate fino ad essere costretti. Non aspettate mai che arrivi la botta. Il segnale forte. La malattia. Altrimenti state attirando l’avvertimento per costringervi ad affrontare.

Chiedetevi adesso:

che cosa ho scavato così tanto nella mia vita, praticato, determinato, avallato, ripercorso e persino pensato ogni giorno per anni e anni e anni?

  • Incertezza?
  • Non farcela?
  • Non sentirmi importante?
  • Non considerarmi mai abbastanza?
  • Non fidarmi?
  • Lottare con chiunque?
  • Non credere in me?

E che cosa voglio scavare invece come solco della nuova vita?

Sembra così per dire, ma ora, dopo tutti questi anni passati ad osservare anime in movimento, non posso che considerare preziosa questa constatazione. Una delle più preziose in assoluto.
Pensa per grandi durate e per stagioni della vita. Renditi conto dove hai scavato sinora e dove vuoi scavare da ora.
E fallo.
Inizia.
Anche se ci vorranno da dodici mesi a dodici stagioni a dodici anni.
Ne ha salvate più questa decisione che un milione di altre pur profonde scoperte.

Ve lo dico perché spesso le persone si scoraggiano e si disinnescano, già solo pensando al tempo che ci vorrà.
Ma è solo una gigantesca scusa.

Ditti solo una parola: ebbasta.

Da quand’è che lo fai? 10-20-30 anni? Inizia allora l’altra strada, quella che sai già, e percorrila per tutto il resto dei tuoi respiri. E non tornare mai più sulla decisione. Solo questo conta.

E decidilo con tutta l’emozione di cui sei capace.

Ci sono innumerevoli ricerche che ci dicono che bastano due minuti di atteggiamento diverso per produrre ormoni diversi, stati d’animo migliori e far accadere fenomeni completamente nuovi alla nostra vita. Allora raccontati chiaro chiaro:

se fino ad oggi sono andato in quella direzione, ora dove voglio andare?

Se bastano due minuti per cambiare ormoni, cosa succederà alla mia vita se cambio atteggiamento per due anni? O per miliardi di due minuti?

Qualsiasi siano i motivi per il passato, da questo preciso momento faccio ogni giorno le 5 cose nuove che ho deciso, tra pensieri, emozioni, attitudini e azioni concrete diverse che mi portino (chissàquando e chissenefrega) alla condizione che desidero e sento giusta per me.
Me le scrivo – me le leggo – mi ci alleno – ogni giorno.
Fino a che diventeranno 50 e poi 500. E tra non so quanti mesi e anni, ma non m’interessa, mi dirò che finalmente sento accadere cose decisamente diverse.

Ma principalmente mi dico: quale nuova strada voglio tracciare? La scrivo bello chiaro, qualsiasi essa sia:

da rinunciatario a costante, oppure da distaccato a partecipe, da macchina da guerra sul lavoro a dedicato al mio piacere in qualsiasi attività, dal lavorare e basta a godermi la vita ogni giorno, dal non sentire mai di farcela a dare sempre per scontato che raggiungo il meglio per me, dal non credere mai in me (e massacrarmi) a dare per acquisito che io valgo e ripetermelo ogni giorno, da drammatico a ironico, da pesante a leggero, dal pensare sempre ai problemi a tornare a ridere e basta, da sedentario a cultore del movimento, da smodato nel cibo ad attento al gusto, da superficiale in ogni cosa a profondo in tutto, dal morire per il senso di colpa al fregarmene e gioire intensamente ogni giorno. 

Non sai da dove cominciare? Prendi semplicemente una di queste affermazioni appena lette e appuntale belle evidenti da qualche parte.

Insomma scrivi. Ce ne sono una marea. E puoi seguirne davvero più di uno di propositi. Con tempi lunghissimi.

Tanto, lo hai già deciso e basta. Quindi che ti costa in più? Niente. Solo benefici. A lungo, lunghissimo termine.

In ogni terapia, nessuna esclusa, in ogni cammino personale, in ogni viaggio dell’eroe c’è il momento di rinascita. Se non decidi qual è il tuo, come fa a compiersi? Chiediti: chi sono io per non seguire ciò che da diecimila anni la natura dell’uomo ha scavato…

Già solo tra queste pagine trovi 5 riti di trasformazione, immagina allora quante possibilità di svolta ci siano nel mondo.

E non ti crucciare mai più di non avere chiaro in testa il grande quadro della vita. Ragiona sul breve e decidi sul piccolo.

Come dice Paolo Coelho:

L’unica maniera di prendere la decisione giusta è sapere quale sia quella sbagliata.
Le decisioni sono soltanto l’inizio di qualcosa. Quando si prende una decisione, in realtà si comincia a scivolare in una forte corrente che ti porta verso un luogo mai neppure sognato al momento di decidere.

Aspettare è doloroso. Dimenticare è doloroso.
Ma non sapere quale decisione prendere è la peggiore delle sofferenze.
Paulo Coelho

Allora, l’unica questione evidente, è che i momenti lucidi e d’ispirazione sono preziosi e durano pochi minuti. Coglili. Prendili. Fissali. E mettili in fila, uno dopo l’altro.
Te ne ritroverai, a quel punto sì, un quadro finalmente chiaro di dove sta andando la tua vita.

E ce la stai portando tu, una volta per tutte.

Dopo aver deciso e fatto pratica, se vorrai approfondire:

I 5 Riti di Trasformazione

Se vuoi allargare invece le tue conoscenze, ci sono tra 20 e 30 punti di interesse sull’argomento: INCIDERE.

Oppure inviaci un messaggio con la tua richiesta all’indirizzo:

marco.digiovanni@analisibioenergetica.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.