Accettazione Incondizionata 35. Tutto è Accettazione

Non si finisce mai di accettare.

Ogni reale progressione è accettazione.

E ci permette di ri-accettare ancora e ancora ad un livello diverso.

Facendoci così sentire concretamente depositati un passo in avanti.

Con una consapevolezza diversa, più ricca, più riconciliata, sistemata.

Per poi ri-andare avanti, “normalmente”, che ci sembra così strano persino pronunciarlo: normalmente.

Eppure.

 

L’accettazione è vivere da dentro.

E da dentro affrontare tutto finalmente come viene.

E’ ribaltare tutto davvero senza la sensazione che ce la stiamo raccontando. E che mai più troppe situazioni si ripetono.

 

Accettare è seguire quell’intuizione, la quale, collegando consapevolezze diverse, ci porti dritti al Punto, quello vero. E ci fa dire: ah, ecco. E da lì: ci posso stare. E’ così, va bene, accetto e non reagisco.

Accettare è Non Agire. Ma è sentire Che Cosa Non Agire, di simile o sempre uguale delle nostre solite dinamiche.

 

E ammettere dall’altro lato che altre sensazioni-reazioni faranno sempre parte di noi.

Sempre da dentro, emozione dopo emozione, relazione dopo relazione, accapigliamento dopo accapigliamento.

Ok, da oggi provo così. Accettiamo anche questa.

E così via. Di accettazione in accettazione.

E di respiro in respiro.

 

E’ solo in questa china di affanni successivi e ri-connessioni improvvise che si cresce.

Solo così, anima mia.

 

Vai all’articolo successivo:

Accettazione Incondizionata: 36. La Pratica di Accettazione

 

Torna a: Accettazione Incondizionata. Riepilogo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.